Guida Home Theatre

La catena dell'home cinema

La catena dell'home cinema

Un impianto home theatre è composto da più apparecchi connessi tra loro, con compiti ben precisi. Per questo si usa il termina "catena" che indica la concatenazione di più componenti in un preciso ordine. Vediamoli tutti in questo articolo.


La trattazione sarà il più semplice possibile, senza troppe lungaggini tecniche, in modo da chiarire gli aspetti essenziali dell'argomento.
Vediamo un esempio per collegare home theatre alla tv:

La catena dell'home cinema

Sorgente audio/video

Naturalmente in testa alla catena stanno le sorgenti in grado di riprodurre i contributi audio/video sul nostro impianto. Come sempre la qualità di ogni componente della catena deve essere proporzionata, in modo da non avere effetti "imbuto" o sovradimensionamenti inutili.

Le sorgenti di un impianto possono essere molte e di differente tipologia. E' possibile collegare lettori DVD, vcr, sintonizzatore satellitare o tv digitale terrestre, stereo, laserdisc, ecc... e in generale ogni tipo di sorgente audio/video di cui disponiamo.

Una cosa molto importante da valutare nella sorgente (sia per l'acquisto della sorgente stessa che per l'acquisto dell'amplificatore) è la dotazione di attacchi. E' consigliabile che vi siano uscite ed entrate di varie tipologie al fine di consentire collegamenti più qualitativi e senza conflitti. Di norma per ogni sorgente vi sono più possibilità di connessione, ad esempio quella ottica per l'audio o quelle component per il video. La scelta di quale utilizzare dipende dalla disponibilità delle sorgenti e dell'amplificatore, oltre che dalla qualità desiderata.

Per i lettori DVD in particolare è importante che vi sia la possibilità di uscire col segnale audio DTS e/o Dolby Digital, necessari per ottenere, grazie all'amplificatore, l'audio multicanale. Alcuni lettori possiedono un decodificatore/amplificatore già integrato ma in genere si preferisce acquistare un amplificatore separato, come vedremo più sotto.

Amplificatore

La presenza dell'amplificatore è determinante e rappresenta il fulcro di tutto l'impianto. I compiti dell'amplificatore sono parecchi, vediamo di elencarli brevemente:

  • Se il segnale estratto dalle sorgenti è digitale, per poterlo amplificare e spedire ai diffusori deve essere convertito in analogico. L'amplificatore è dunque un necessario convertitore del segnale audio.
  • Il decoder all'interno dell'amplificatore è impiegato per decodificare il segnale audio multicanale che arriva dalle sorgenti e distribuirlo in modo corretto a ciascun diffusori. Naturalmente occorrerà una decodifica adeguata al segnale audio impiegato dalla sorgente (Dolby Surround, DTS, Dolby Digital AC3, ecc...). 
  • L'amplificatore dolby surround spesso può applicare effetti DSP (Digital Sound Processing), ovvero vari effetti audio che ricreano, su una traccia sonora, particolari e suggestive ambientazioni (echi, riverberi, ecc...) che aumentano la spettacolarità del suono. Sono filtri aggiuntivi, quindi è possibile modificare "in diretta" l'audio della sorgente, creando appunto gli effetti ambientali.
  • E' in grado di gestire e regolare i ritardi tra i diffusori, e quindi permettere un corretto ascolto anche in ambienti non perfettamente simmetrici. Inoltre permette interventi di equalizzazione sui segnali in entrata e permette un notevole controllo della potenza in uscita.
  • Spesso, ma non sempre, l'amplificatore gestisce anche i segnali video con alcune funzioni che consentono di migliorare la visione, filtrare i difetti e scalare il quadro video.

Amplificatore per home cinema Ecco come si presenta il retro di un amplificatore. A destra sono visibili gli attacchi per i diffusori mentre a sinistra gli ingressi audio/video delle sorgenti

Schermo, Televisore o Videoproiettore

Oltre alla componente audio, i sistemi home theatre permettono una resa migliore anche di quella video. Anche in questo caso le varianti sono molteplici e dipendono molto dalla spesa che si vuole affrontare.

  • TELEVISORE 4/3

    il numero indica il rapporto tra larghezza e altezza dello schermo. Il formato 4/3 è quello degli apparecchi televisivi comuni e si tratta del modo più economico, ma certamente meno qualitativo, per guardare un film. E' la soluzione peggiore poiché non vengono sfruttati i vantaggi video del formato DVD, soprattutto per quanto riguarda risoluzione e formato d'immagine. I film in DVD sono quasi tutti presentati nel formato originale  widescreen (ampio proprio come al cinema) e sui televisori 4/3 vengono visualizzati con le barre nere sopra e sotto, riducendo ulteriormente la qualità della visione.
  • TELEVISORE 16/9

    Si tratta della scelta dal rapporto qualità/prezzo migliore. Un televisore 16/9 ha lo schermo visibilmente più largo di un 4/3 e questo consente la riproduzione corretta del formato d'immagine dei DVD. Inoltre sfrutta meglio la qualità della risoluzione del video. Naturalmente sono apparecchi che costano di più di un normale 4/3, ma ultimamente i prezzi stanno scendendo.
  • SCHERMI LCD o AL PLASMA

    Sono la grande scommessa per il futuro del delevisore casalingo. Sottili, poiché la loro tecnologia non presuppone la presenza di un tubo catodico, possono raggiungere dimensioni notevoli e possiedono un quadro video completamente sfruttabile.
  • TV A RETROPROIEZIONE

    sistema che si basa sulla proiezione del video tramite lampada ma dall'interno di un involucro dotato di schermo, dalle sembianze di un televisore. In sostanza, la lampada interna proietta il video su un sistema di specchi e lenti che lo deviano e lo allargano sul retro dello schermo, mentre la visione avviene frontalmente come per un TBC. Hanno alcuni svantaggio come la perdita di contrasto in ambienti molto luminosi e una visuale laterale leggermente distorta. Inoltre sono ingombranti quanto una tv con il mobile d'appoggio, dovendo contenere il sistema di proiezione e le lenti.
  • VIDEOPROIETTORE

    per appassionati evoluti vi è anche la possibilità di collegare un proiettore. Il funzionamento è simile a quello di un proiettore cinematografico, che fa uscire un fascio di luce da un obbiettivo e proietta su uno schermo le immagini. Naturalmente funziona con segnali video sia a bassa che alta risoluzione e a seconda del modello ci possono essere dei limiti le dimensioni dello schermo e la qualità d'immagine.

Diffusori audio

L'ultimo componente della catena è naturalmente composto dal sistema di diffusori audio, ci cui abbiamo parlato in questo articolo.

Altri articoli che ti possono interessare

Formati Audio Multicanale

Elenco dei formati audio multicanale per scoprire quali tipologie sono adatte per l'intrattenimento casalingo con un home cinema.

Cablaggio e diffusori audio per home cinema

Tutto quello che devi sapere per collegare un sistema home cinema, i cablaggi da effettuare, i diffusori da scegliere e le i tipi di audio multicanale.

Cos'è l'home cinema

Scopri come scegliere e creare il tuo sistema home theatre per goderti la TV come fosse un cinema in salotto.