DV Raptor RT- La cattura e Premiere
Autore: Andrea Besutti  Home Page:


LA CATTURA

In dotazione alla scheda c’è Raptor-RT Video, il software Canopus che permette catturare e gestire i video digitali. La finestra del programma si presenta ben ordinata e troviamo alla destra una colonna dove è possibile gestire una play list, a sinistra in altro si trova la finestra per l’anteprima del video, sotto un riquadro che riporta informazioni sul nome del file, durata, formato audio ecc. delle clip video. Piu’ sotto si trova l’AVI File Controller per il controllo della riproduzione dei file avi su disco ed in basso al centro il DV Camera Controller per il controllo del nastro della videocamera.

Oltre alla cattura manuale, alla cattura Seamless (cattura di spezzoni video in modo continuo) ed alla cattura di fotogrammi singoli, Raptor-RT Video offre la classica Batch Capture.

La qualità delle immagini catturate è garantita dal codec Canopus, lo stesso utilizzato anche per i sistemi professionali come DV Storm e DV Rex Professional; l’audio risulta sempre in perfetta sincronia con il video, grazie al supporto nativo dell'audio DV.

L'AVVIO DI PREMIERE 

Essendo la mia prima esperienza con una scheda di cattura in realtime, dopo avere effettuato la cattura di qualche spezzone video ho subito avviato Premiere. Ho notato la presenza della cartella “Canopus” nella Transitions Palette cosi’ come nei filtri video ed audio. Sono infatti questi transizioni/filtri che devono essere usati per ottenere il realtime. Ho inserito nella timeline due spezzoni video sovrapposti di 4 secondi, fra queste ho piazzato la transizione Canopus Dissolve e premuto la barra spaziatrice. E’ iniziata la riproduzione e con un tempo di attesa nullo mi sono gustato la mia dissolvenza in tempo reale sul monitor esterno con una qualità decisamente elevata. Osando di più ho inserito un titolo con l’Alpha Channel sulla traccia Video2 e con il filtro video Canopus Title Motion Filter imposto per il titolo un’apertura di due secondi con una tendina verso destra e una chiusura sempre di due secondi con una dissolvenza. Premo di nuovo la barra e la riproduzione parte sempre istantaneamente. Non ancora convinto decido di “sovraccaricare” la timeline.  Ai due spezzoni video applico ad entrambi un doppio filtro (Old Movie e Color Correction con l’impostazione Sepia) ed applico altri due titoli (in totale 3). Niente, la scheda non si “piega” e si comporta egregiamente.

Un particolare molto importante da evidenziare è il fatto che il realtime lo si ha disponibile solo sulle uscite analogiche. Per l’esportazione finale su nastro DV è infatti necessario effettuare un rendering del progetto, che comunque risulta molto veloce perché sono ricalcolati i soli effetti, filtri o titoli inseriti, con un rapporto tra tempi di render e durata del filmato di circa 1.5:1.

 

In totale le transizioni in tempo reale sono 15 e precisamente: Alpha Wipe, Dissolve, Blind Side, Blind Wipe, Blid Push, Block, Box, Circle, Clock, Push Stretch, Slide, Slide (under scan), Stretch, Stretch (under scan) e Stripe.

Gli effetti: Chroma Key, Luminance Key, Picture in Picture.

I filtri video: Color Correction, Old Movie, Motion Blur, High Quality Blur, Blur, Soft Focus, Blend Effects, Combine Effects, Anti-flicker, Monochromatic, Noise, Chrominance, Sharp, Region, Emboss, Pencil Sketch, Mosaic, Solid Color, Color Bars, Matrix, Title Motion Filter.

I filtri audio: Graphic Equalizer, Delay, Panpot & Balance, High-pass Filter, Low-pass Filter, Parametric Equalizer, Tone Controller.

 

 

 

Oltre agli effetti base appena citati, Canopus nella confezione include anche il pacchetto 3D RT. Sono 5 transizione base 3D in realtime (Single Door, Double Door, Fly Away, Page Peel e Sphere) configurabili e con una libreria di oltre 160 preimpostazioni. L’elevata qualità degli effetti 3D-RT è ottenuta grazie ad algoritmi proprietari di anti-aliasing, che non generano i margini sfuocati o scalettati tipici di molti sistemi, il tutto in realtime.

 

Effetti, filtri e transizioni sono praticamente infiniti: è possibile creare nuove impostazioni, modificare i preset e salvare la nuova opzione personalizzata, per poterla utilizzare continuamente, senza impazzire nel ripetere esattamente le impostazioni; ogni filtro, transizione ed effetto può essere gestito a livello di keyframe, per variare in modo dinamico tempi e posizioni all’interno delle transizioni, garantendo la massima libertà di personalizzazione e il più alto grado di precisione.

Ottimo anche il software Xplode che fornisce transizioni con un alto effetto visivo, oltre un’ottima qualità. Compende 10 transizioni di base con oltre 150 preimpostazioni. Queste transizioni devono però essere renderizzate prima di effettuare un preview. Anche gli effetti Xplode Basic possono essere modificati, personalizzati gestendo il keyframe e salvati come preset per l’utilizzo successivo. Il software Xplode può sfruttare l’utilizzo di schede grafiche con chipset Nvidia TNT (o superiore) per delegare all’hardware le operazioni di render degli effetti, riducendo notevolmente i tempi d’elaborazione.

 

     

 

<< | Menù recensione DVRaptor RT | >>