Newsletter
Iscriviti alla newsletter di aggiornamento (termini)
Avvisami delle aste
Menu

Siti Partner

Sponsor
Pubblica o cerca annunci gratuiti per cercare casa, auto e lavoro




Home page > Tutti gli articoli > Recensioni


Recensione Media Player Cyclone HD - Installazione
di Staff | Pagina 3

Ringraziamo per aver fornito il prodotto per la nostra recensione.

» Acquista il prodotto
» Compara i prezzi
» Discuti sul forum
» Cerca uno sconto

 Montaggio del disco rigido interno

Come anticipato, essendo anche un video recorder, il Cyclone HD ha la possibilità di montare un hard disk interno, sia per la videoregistrazione di programmi televisivi, sia per la memorizzazione di contributi multimediali da riprodurre in modo diretto. Supporta un singolo hard disk da 3,5 pollici di tipo SATA che si monta davvero in modo banale.

Per prima cosa si svitano le viti dei 4 piedini presenti sul retro liberando il vano inferiore dall'involucro di copertura superiore. Una volta aperto, troviamo lo spazio per disporre l'hard disk, allineandolo con le prese di alimentazione e di connessione SATA.

 Posizionato il disco, non resta che collegarlo agli attacchi in modo saldo, avvitare le viti di fissaggio (dal retro del Cyclone HD) e richiudere il tutto, risistemando i 4 piedini in precedenza svitati.

Il montaggio è davvero semplice e non richiede nessun tipo di abilità. Occorre solo stare attenti all'inserimento della connessione SATA e dell'alimentazione tra hard disk e dispositivo, poiché i pin delle prese sono delicati ed un'eccessiva pressione potrebbe piegarli.

La formattazione avviene tramite un tool interno che si attiva al momento del riconoscimento del disco. Il tool permette di selezionare la quantità di spazio del disco da dedicare a due partizioni, NTFS e FAT32. Come sempre su questi dispositivi, quest'ultima è dedicata alla scrittura e lettura e quindi alle operazioni che includono la copia e lo spostamento di file dalla rete (o da USB) al disco interno. NTFS è dedicata solo alla lettura, anche se è possibile trasferirvi file da USB. Il vantaggio è che riesce a gestire file anche superiori di 4 GB, a differenza della FAT32. Conviene tenere conto di queste considerazioni quando si formatta e si scelgono le dimensioni delle due partizioni.

 

Installazione e Funzionamento

L'installazione del dispositivo è davvero semplice. Al pari di quelli del suo genere, è sufficiente collegare la presa elettrica per l'alimentazione e il cavo HDMI al televisore. Se si desidera operare anche in video-in, ovvero catturare il segnale del televisore o del decoder (per registrare o per il time shifting ad esempio), occorre collegare anche i cavetti RCA dalla sorgente al Cyclone HD. In questo caso non sarebbe stato male trovare nella confezione un adattatore RCA-SCART poiché i decoder DTT difficilmente sono dotati di uscite RCA. Ad ogni modo sono adattatori che in genere si hanno in casa.

Una volta acceso il dispositivo, il canale HDMI ci presenta la schermata introduttiva e subito dopo il menù con le funzioni principali. Dopo aver recensito alcuni di questi dispositivi, ci rendiamo conto che aspetto e funzionalità del menù OSD sono sempre praticamente identici. Nulla di eclatante dal punto di vista grafico, ma l'approccio è pratico e funzionale, molto semplice per chi non vuole perdersi in decine di opzioni e vuole andare diritto al sodo.

Dando un'occhiata alle opzioni di configurazione vediamo subito la possibilità di scegliere la lingua italiana per il menù OSD, utile a chi non consoce l'inglese. Oltre a questa sono presenti le opzioni per regolare l'ora del dispositivo, formattare il disco e la codifica dei testi, per i sottotitoli.

Una delle opzioni più interessanti è certamente quella relativa alla connessione di rete che permette al Cyclone HD di collegarsi alla rete di casa e riprodurre file multimediali memorizzati su altri dispositivi di rete, come NAS e PC. Il dispositivo non integra la possibilità di collegarsi tramite Wi-Fi per cui l'opzione che scegliamo è quella della rete cablata. Chi lo desidera può dotarsi di una comoda estensione USB per aggiungere la funzionalità Wi-Fi sul Cyclone HD (scheda prodotto qui)

Una volta connesso il dispositivo al router, abbiamo la possibilità di navigare, tramite la funzione Browse del menù OSD, all'interno dei dispositivi connessi, ovvero disco interno, rete ed eventuale dispositivo di massa USB collegato alla porta frontale. E' possibile definire anche scorciatoie per l'accesso a specifiche cartelle di rete.


Home page | Pagine 1 2 3 4


Tag della pagina
riproduttore recorder